La misteriosa morte di Pippo Franco sostituito da un sosia

“La vita comincia a 40 anni” era il titolo di un film degli anni 30 e di una serie tv inglese degli anni 40, la frase è divenuta quasi proverbiale, un concetto comune e accettato da quasi tutti. Ma noi sappiamo che non è vero, perché per qualcuno di molto importante e di noto al pubblico mondiale la vita, a quaranta anni, è finita.

Pippo Franco 01

Parliamo ovviamente di Pippo Franco, il popolarissimo comico romano dal naso più amato d’Italia. Pippo Franco (forse non tutti lo sanno, ma il suo è un nome d’arte. Si chiama infatti in realtà Franco Pippo) è nato nel 1940, e i primi anni 80 hanno segnato per lui l’apice della carriera: successi discografici (Mi scappa la pipì papà, La puntura…), televisivi (Scacco Matto), cinematografici (Il Ficcanaso, Il Casinista, Ciao Marziano)… la popolarità del divo era ormai alle stelle. Quando…

MAndorlo

Settembre 1981, la fine dell’estate porta in dono alla Puglia ricchi raccolti. Le vigne sono quasi pronte per la vendemmia, gli olivi seguiranno poco dopo, ma è un altro l’albero che attrae l’attenzione e stimola il desiderio del nostro Franco Pippo, che in visità da quelle parti si trovava, solo, a passeggiare per i campi. Un mandorlo solitario, splendido, invitante. Pippo non potè resistere e colse un frutto dai rami più bassi. Poi un altro, e un altro ancora. Ma sui rami più alti si trovavano le mandorle più belle, più succose. Il comico si arrampicò, pensando di riempirsi le tasche per farne poi dono alla bella moglie Laura Troschel. Ma un urlo agghiacciante arrivò a rompere l’idillio bucolico.

  • MALEDETTO LEDRO! MADONNA DELL’INCORONETA!

Un agricoltore pugliese di 68 anni, Lino Benfi (nome di fantasia), sorprese il popolare personaggio televisivo a rubargli i frutti dal suo albero preferito. Lino era molto geloso del mandorlo, amava trascorrere del tempo insieme a lui, parlarci, le malelingue sostenevano che il loro rapporto potesse addirittura definirsi morboso. I monelli del paese lo prendevano in giro per questo suo amore per la natura, gli tiravano sassi, sputi, e non perdevano occasione per rubare le sue mandorle appena possibile. Lino Benfi era ormai giunto all’esasperazione, e quella, unita alla cataratta che gli impediva di distinguere i lineamenti del ladro, lo spinsero a compiere il gesto fatale.

  • ORA TI SPERO, MALEDETTO LEDRO!

  • No, soppippofranco, io c’ho naso, NOOOOOO!!!

Ma il colpo di lupara del vecchio agricoltore era già partito, raggiungendolo al cuore. Pippo Franco giaceva morto nelle campagne del Salento.Pippo Franco 02

Lino Benfi si avvicinò alla salma e le toccò il grosso naso. Si rese conto che nessun monello del paese aveva tali lineamenti, non poteva che avere ucciso PIPPO FRANCO! Il contadino pianse, pensò di occultare il cadavere ma infine decise che se proprio doveva finire in carcere doveva provvedere alla propria famiglia prima. Chiamò quindi un noto fotografo del paese che collaborava con le principali riviste italiane, e si fece fotografare con la salma. La sua confessione “HO UCCISO PIPPO FRANCO” sarebbe uscita sul numero successivo del settimanale.

Pippo Franco 03Ma qualcuno aveva investito grosse somme di denaro sull’attore romano. La RAI aveva fatto condurre a Pippo ed alla moglie il programma legato alla Lotteria Italia, ed erano numerosissimi i film e gli show che l’avrebbero visto annunciato protagonista. La notizia della morte non si era ancora sparsa, così venne presa la decisione che cambiò tutto. La RAI organizzò un concorso segreto per tutti i sosia di Pippo Franco, che vennero convocati d’urgenza.

Furono numerosi quelli che si presentarono agli studi di Via Teulada, ma uno solo di loro colpì i selezionatori. I suoi lineamenti erano praticamente identici a quelli del defunto, la voce sovrapponibile, il sorriso, inconfondibile, lo stesso. Si chiamava Salatino Fulvio Franco, anche il cognome era lo stesso, per vivere faceva il contrabbandiere, come suo padre e suo nonno ed il padre di suo nonno prima di lui. Ma sognava Hollywood, Broadway, o almeno il Bagaglino. Il miglior sosia di Pippo Franco possibile era lui!

  • Il cognome uguale ti aiuterà, non rimarrai interdetto quando ti chiameranno signor Franco.

  • Ma tutti mi chiameranno Pippo…

  • E’ uguale.

Un nuovo Pippo Franco era nato. Migliore? Sta a voi deciderlo. LPippo Franco 04a carriera del nuovo Pippo partì col botto, con grandi successi come Che Fico e Chi Chi Chi Co Co Co, ma le malelingue dicono che i pezzi erano già stati incisi dal Pippo originale. Ma il nuovo Pippo Franco cosa ha aggiunto alla propria carriera artistica? Il singolo Il Ballo Marocchino, del 1988, non bissò il successo dei capolavori precedenti, e l’ultimo exploit nel mondo della musica risale al 2004, con la sigla Bis, Bis Biscardi. Il cinema non ha portato più molte gioie, e la televisione solo riproposizioni di vecchi cliche. Ma il sacro fuoco dell’arte scorreva anche nelle vene di Salatino, che doveva solo trovare il mezzo giusto per esprimersi. Salatino ha coltivato per anni interessi esoterici, che l’hanno portato a proporre le sue riflessioni in un imperdibile volume pubblicato nel 2001: Pensieri per Viviere – Itinerario di Evoluzione Interiore.

Ma non finisce qui. Il 2012 ha portato un nuovo capitolo del percorso artistico e personale del Maestro. Un saggio che è anche autobiografia e che va letto come una confessione. La morte non esiste. La mia vita oltre i confini della vita. Perché Pippo Franco non morirà mai, quando il suo corpo si spegnerà sarà solo sostituito da un nuovo sosia. Fino alla fine dei tempi.

Pubblicità

2 pensieri su “La misteriosa morte di Pippo Franco sostituito da un sosia

  1. Il professore esimio Vincenzo Puzza partecipò al concorso indetto per i sosia della buona anima del signor Pippo Franco, ma sebbene ello vi somigli molto, purtroppo non venne selezionato. Grazie.

    "Mi piace"

  2. Pingback: Moonwalkers - ...e tra dieci minuti voglio vedervi tutti in acido! - cumbrugliume

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...